Una fonte di forza

October 18, 2015

“La felicità è una porta che si apre dall’interno: per aprirla bisogna umilmente fare un passo indietro.” Sören Aabye Kierkegaard

 

La vita è come un puzzle del quale ci mancheranno sempre dei pezzi nonostante ogni nostro sforzo di scacciare i dubbi e le incertezze.

Serve un grande impegno per imparare a convivere con i buchi presenti nella nostra conoscenza e per riuscire a tollerare che tante cose siano al di fuori del nostro controllo.

 

A volte, cadiamo nelle trappole della presunzione dove, cercando di forzare insieme i tasselli che possediamo, finiamo per accontentarci delle immagini che abbiamo ottenuto che, seppur distorte, almeno sono rassicuranti.

 

Credendo di conoscere tutto su noi stessi e la vita, allora, rischiamo di appoggiarci più del dovuto al pregiudizio, all’arroganza e all’orgoglio, che ci intrappolano in una corazza di certezza e superiorità che, invece di  proteggerci, finisce per ostacolarci.

 

Eppure, cercare di rispondere alle domande della vita richiede altre domande e non risposte definitive.

 

Infatti, quando non smettiamo di porci domande e di scavare nelle nostre profondità con onestà, impariamo che gli oggetti delle nostre ricerche non cesseranno mai di fornirci nuove informazioni, tanto quanto noi saremo disposti a tollerarne l’incertezza.

 

Così, ci avviciniamo a comprendere di essere solo una piccola parte di un tutto, di essere noi stessi un tassello di un puzzle incomprensibilmente infinito e arriviamo a provare qualcosa di nuovo: l’umiltà.

 

Ma che cos’è l’umiltà?

 

Essa è qualcosa di ricco e di difficile da definire, caratterizzato da (1):

 

  • Un’accurata valutazione di sé, nel riconoscersi limiti e risorse, senza sopravvalutare o sottostimare.

 

  • Un’apertura alle nuove informazioni, anche di quelle che contraddicono precedenti conoscenze.

 

  • Un’abilità nel guardare a sé stessi in una prospettiva più ampia.

 

  • Un’abilità nel sapersi mettere da parte e uscire dal centro dell’inquadratura.

 

L’umiltà è un’energia con la quale realizzare noi stessi, perché è grazie ad essa se smettiamo di lottare contro la vita e l’abbracciamo per come è, dandoci la possibilità di diventare consapevoli di noi, delle nostre relazioni e della relatività del tutto.

 

Allora, ci si libera dal giudizio degli altri, essendo noi i primi a non giudicare e l’energia che una volta usavamo per difenderci dagli attacchi del mondo, si converte in una fonte inesauribile di forza dalla quale attingere per costruire la propria vita.

 

Con l’umiltà i rapporti diventano più fluidi, aperti, naturali, non più portati alla competizione, ma alla condivisione.

Impariamo ad accettare le persone per come sono, lasciando spazio ai loro punti luminosi e non più solamente a quelli più cupi, permettendo loro di vedere anche i nostri.

 

“L’umile non abbassa la testa davanti a nessuno e nello stesso tempo non permette a nessuno di abbassare la testa davanti a lui.” Piermaria Bonacina 

 

E umiltà non è:

  1. Sottomettersi a chi ci circonda.

  2. Umiliarsi.

  3. Essere masochisti.

  4. Sentirsi inferiore agli altri.

  5. Sacrificarsi costantemente per le altre persone.

  6. Evitare i conflitti per essere gentili.

  7. Fingere di sentirsi come non ci si sente per compiacere gli altri.

  8. Essere deboli.

 

Inoltre, la ricerca ci informa che le persone umili tendono a essere più grate, cooperative, compassionevoli e generose, sia con il loro tempo che con il loro denaro, guadagnandone relazioni più ricche e serene e traendo un maggior senso di generale benessere (2). 

 

“L’umiltà non è pensare meno di sé, è pensare meno a sé.” C.S. Lewis

 

Ma che speranze abbiamo per l’umiltà in una società che celebra i presuntuosi, i competitivi e l’esclusiva attenzione per il proprio ego?

 

Proviamo ad immaginare quanto progresso potremmo raggiungere in ogni ambito della vita umana, anche solo nella politica, se usassimo dialogo e umiltà per risolvere i conflitti, invece che basarci su forza e intimidazione.

 

La speranza è che ognuno di noi, nel suo piccolo, possa allenare questa virtù e diventare il cambiamento che vuole vedere intorno a sé.

 

Ecco a voi qualche spunto di riflessione sul tema:

 

  • Coltivate onestà emozionale. Imparate a riconoscere le vostre emozioni, positive e negative che siano e a lasciargli lo spazio di cui hanno bisogno. Esse vi parlano di voi e fanno parte di voi.

 

  • Tutti possono insegnarvi. Non esiste una persona che non possa lasciarvi qualcosa che prima non avevate, se solo sarete disposti a coglierla.

 

  • Accettate i vostri limiti e quelli degli altri. La perfezione non esiste e non può esistere perché l’unicità di ciascuno darà un’impronta originale a tutto ciò che fa. Pensare che un nostro limite non possa essere parte di una nostra risorsa, è uno dei nostri pregiudizi più dolorosi; vedere un errore come nient’altro che un errore, non vi insegnerà mai nulla.

 

  • Distinguete tra le ambizioni personali e la ricerca di significato. Finché penserete che tutto ciò che conti sia vincere, nessuna coppa porterà la felicità che cercate.

 

  • Apritevi alle persone. Quando siamo con gli altri, siamo spesso troppo focalizzati su noi stessi –“che cosa pensa di me? che cosa dico adesso?”-. Cercate, invece, di concentrarvi sull’altra persona e su ciò che dice; che cosa vuole comunicarvi e perché? Che cosa vi suggerisce ciò che dice? Instaurare conversazioni sincere con gli altri, ci permette di condividere e stimolare nuovi pensieri.

 

  • Evitate di contraddire sempre gli altri. Contate fino a 10 e chiedetevi se il vostro intervento potrà fare una significativa differenza.

 

  • Coltivate la vostra gratitudine. Trovate ogni giorno motivi per cui essere grati per imparare a riconoscere ciò che gli altri fanno per voi, consapevolmente o meno.

 

  • Imparate a chiedere aiuto. Anche se pensate che gli altri non capiranno e che vi giudicheranno, è necessario sapersi rivolgere a chi vi circonda ogni tanto, soprattutto quando non sapete più come fare con i vostri problemi. 

 

  • Prendetevi meno sul serio. Sentirsi al centro del proprio mondo non è solamente presuntuoso, ma anche faticoso. Finiamo per credere che ciò che ci accade ci definisca, dandogli un'importanza assoluta che si sparge a macchia d'olio su qualsiasi cosa. Imparate a fare un passo indietro. 

 

  • Credete in qualcosa più grande di voi. Che sia un solo dio o che siano 10, che si parli della meraviglia che ci offre ogni giorno la natura o che ci si affidi alla scienza, che siano tutte le precedenti o nessuna di esse, abbiamo tutti bisogno di poter alzare lo sguardo e perderlo nell’infinito.

 

Ricordatevi che, saper riconoscere e accettare che non sempre abbiamo ragione, che a volte non sappiamo che cosa fare e quanto tutto questo possa farci paura, ci permette di fare un grande passo verso noi stessi e gli altri.

 

E voi, che cosa ne pensate? Come l’umiltà potrebbe migliorare la vostra vita?

 

Se volete, fatemelo sapere nei commenti e se vi è piaciuto l’articolo, condividetelo!

 

 

Kesebir, P. (2014), “A quiet ego quiets death anxiety: Humility as an existential anxiety buffer.” Journal of Personality and Social Psychology, Vol 106(4), pp. 610-623.

(2) Exline, J., Hill, P. (2012), "Humility: A consistent and robust predictor of generosity", The Journal of Positive Psychology, pp. 208-218. 

(1) Tangney, J. P. (2004). Humility. In C. R. Snyder & S. Lopez (Eds.), Handbook of Positive Psychology (pp. 411-419). New York: Oxford University Press.

Please reload

In Primo Piano

8 falsi miti sulla tua produttività

July 28, 2017

1/3
Please reload

Post Recenti

April 20, 2018

November 17, 2017